Contattaci ad Ameglia allo 0187 65599 o a Sarzana allo 0187 620525

Prestare soccorso in mare è un dovere, non un reato.

Prestare soccorso in mare è un dovere, non un reato.

fiume-magra

La Capitaneria di Porto di la Spezia interviene per chiarirlo.

Apprendiamo con particolare soddisfazione che la prima ordinanza di archiviazione emessa quest’anno  dalla Capitaneria di Porto di La Spezia riguarda l’annullamento di un procedimento di illecito amministrativo emesso contro un nostro concittadino la scorsa estate.  Stiamo parlando del sig. Roberto Zampolini, titolare della ditta Zeta Nautica il quale, dopo aver operato per mettere in sicurezza un grosso pontone che andava alla deriva a causa della corrente del fiume, si è visto notificare un verbale di qualche migliaio di euro perché avrebbe operato senza preventiva autorizzazione. Questo cosa vuol dire, che se vediamo  qualcuno in difficoltà in mare dobbiamo girarci dall’altra parte? “Hai bisogno di aiuto perché la corrente ti sta portando a scogli? Mi spiace, non sono autorizzato, arrangiati!” Fortunatamente è intervenuta la Capitaneria di Porto di La Spezia, a cui il sig. Roberto Zampolini aveva ovviamente presentato ricorso, e l’ingiusto verbale è stato alla fine annullato. Verbale che non sarebbe dovuto nemmeno esistere, ma questa è altra cosa, dal momento  che, almeno a nostro parere,  a  chi interviene per aiutare e levare dai guai chi è in difficoltà bisognerebbe dire solo grazie.