Contattaci allo 0187 65599

Mai incoraggiare gli spavaldi del mare

Mai incoraggiare gli spavaldi del mare

4b596e1b2c0ecafd25685a22af20c624

E’ di questi giorni la notizia di un ragazzo fiero d’aver navigato in solitario nell’Atlantico con un vecchio e malandato sloop di sei metri. Non appena il vento è aumentato un po’ la barca ha ovviamente cominciato ad andare in pezzi, ma nessun problema, il ragazzo aveva pronta la soluzione: attivare l’Epirb. Un mercantile greco è così andato a soccorrerlo e lo ha preso a bordo, con tutta la barca. Quello che ci chiediamo è come non possa questa persona essere almeno imbarazzata per ciò che ha fatto. Fortunatamente le condizioni meteo erano buone – infatti è bastato solo un po’ di vento per mandargli in pappa la barca, figuriamoci ci fosse stato anche del mare – ed i soccorritori non hanno avuto particolari difficoltà, ma qualcuno di loro si sarebbe potuto far male. E’ giusto mettere a repentaglio l’incolumità altrui a causa della propria spavalderia? Se si ha voglia di rischiare la propria vita almeno si lasci tranquilla quella degli altri. Non capiamo perché atteggiarsi a grandi marinai per poi andare in giro con una barca assolutamente inadatta, ma con un Epirb pronto sottobraccio, incuranti di mettere a repentaglio la vita dei soccorritori quando sarà il momento. Perché tanto è ovvio che certe imprese non possano riuscire e che ci sarà bisogno di chiamare aiuto. Invece stavolta cosa è accaduto: il ragazzo ha concesso in esclusiva foto e racconto e si è anche sentito dire “bravo”. E’ normale che continueranno ad esserci degli emulatori ed è per questo che noi vogliamo dire che così non va bene, perché questi non sono marinai da incoraggiare, ma incoscienti da tenere a freno.